Luce, rumore e (tanta) polvere da sparo. Las Fallas di Valencia sono una delle feste popolari più chiassose di Spagna: ninots, mascletás, Paquito il cioccolataio, petardi e tardeo. Non perdere la storia de las Fallas, le loro idiosincrasie e tutte le informazioni sui loro grandi eventi. Non a caso sono il festival più importante di Valencia. Ci sono molte cose da vedere nella Comunità Valenciana, ma ogni anno dal 14 al 19 marzo c’è la festa con la F maiuscola.

La festa de Las Fallas a Valencia

Banner Valencia Lavoro e NIE 200 quad

Non è un caso che l’Unesco abbia assegnato alle Fallas l’onorificenza di Patrimonio Immateriale dell’Umanità. Questa festa unica e riconoscibile in tutto il mondo è nata spontaneamente dalla mano dei falegnami della città in onore del loro santo patrono, San José. La storia de las  Fallas ha la sua origine nell’usanza di questa corporazione di bruciare le loro cianfrusaglie e strumenti inutili alla vigilia di quella festa, il 19 marzo, la cui data è stata mantenuta fino ad oggi. Nel XVIII secolo fu adottato il nome di Fallas (procedendo, si crede, dal latino fac[u]la, diminutivo di fax, ‘torcia’). Negli anni successivi las Fallas furono accusate di intenti critici, e ció provocó la persecuzione nella seconda metà dell’Ottocento, insieme ai carnevali. Nacque quindi un movimento per rivendicare le tradizioni, che culminò con l’assegnazione di trofei ai migliori monumenti di Fallas, assegnati dalla rivista La Traca, e infine con i premi municipali del Consiglio Comunale, la cui prima edizione si tenne nel 1901. Scopriamo quindi insieme cosa sono las Fallas, la loro storia e le loro caratteristiche.

Storia de las Fallas

Non si sa con certezza quando sia iniziata Las Fallas, ma ci sono diverse teorie. La versione più popolare dice che Las Fallas deriva da una tradizione secolare a Valencia in cui i falegnami della città bruciavano vecchi materiali di cui non si aveva piú bisogno il giorno prima di San Giuseppe (19 marzo), il santo patrono dei falegnami. Bruciavano anche gli strumenti di legno usati per sostenere le lampade a olio di cui avevano bisogno per lavorare di notte. Poiché la festa si celebra intorno all’equinozio di primavera, in questo periodo dell’anno le giornate si allungano e le ore di sole in più fanno sì che i falegnami non abbiano bisogno della luce delle lampade ad olio per lavorare.

Un’altra teoria sostiene che questa pratica derivi da tempo immemorabile, dall’antica tradizione di allestire fuochi per celebrare gli equinozi ei solstizi, cioè i cambi di stagione. In questa prospettiva, Las Fallas deriva da una lunga tradizione di fuochi d’artificio che celebrano la primavera. Infine, esiste anche una tradizione europea in cui bambole o figure che rappresentano persone non gradite, venivano appese a balconi o pali prima di essere bruciate nel fuoco. Questa teoria spiega la natura satirica di Las Fallas così come viene celebrata oggi.

Ricordate che per chi vuole trasferirsi a Valencia abbiamo ideato un pacchetto ad hoc, che trovate qui.

Cosa significa Fallas

Potresti aver sentito o visto qualche riferimento al festival come Fallas (in spagnolo) o come Falles (in valenciano). In ogni caso, sono la forma plurale della parola valenciana falla. Ma esattamente cosa significa fallas? Nel corso dei secoli, il significato della parola falla si è allontanato molto dall’originale: torcia. Nel XIII secolo, Las Fallas erano le speciali torce che venivano accese durante le feste. Successivamente, già nel XVI secolo, la falla era il falò che veniva acceso in mezzo a riunioni o feste, anche se in seguito divenne il modo di riferirsi al fuoco usato per bruciare sculture e altri detriti. Nel XVIII secolo una falla iniziò ad essere il falò in cui venivano bruciati i ninot impagliati o le bambole usate per rappresentare scene satiriche, sebbene anche la bambola stessa cominciasse a essere chiamata falla.

Seguici su Instagram

Come si svolgono le Fallas

Valencia, una città soleggiata con una popolazione di circa 800.000 abitanti, raddoppia quando più di un milione di amanti del fuoco partecipano alla celebrazione di Las Fallas. É proprio durante questo periodo dell’anno che il settore della ristorazione, del turismo e dell’ospitalità in generale raggiunge numeri incredibili. Motivo per cui ogni anno vengono creati posti di lavoro temporali per necessità di personale. Se volete lavorare a Valencia, potete sempre trovare tante offerte soprattutto nel settore della ristorazione.

Il festival dura cinque giorni, dal 15 al 19 marzo, ma l’odore della festa inizia a soffiare nell’atmosfera settimane prima. Inizia il 1 marzo (per terminare il 19), momento in cui inizia uno spettacolo con fragorosi petardi che formano la mascletá ogni giorno alle 14:00 nella Plaza del Ayuntamiento. Questi petardi scuotono il terreno per 10 minuti, poiché la mascletá è uno spettacolo uditivo più che visivo. Ma i petardi più incredibili vengono fatti esplodere tra il 15 e il 19 marzo.

La festa prende davvero forma il 15 marzo, con La Plantà, quando più di 700 enormi ninot vengono posizionati in tutta la città, chiudendo così al traffico gran parte delle strade. In questo modo le strade si riempiono di gente e di attività durante questi giorni e notti di festa.

Per molti, il momento principale di Las Fallas è la creazione e la distruzione dei ninots, che sono grandi statue fatte di cartapesta, cartone, legno o garza. I ninot sono estremamente realistici e di solito mostrano scene satiriche o fatti di attualità. Molti ninot raccontano diverse storie, motivo per cui sono necessarie gru per spostarli al loro posto nelle piazze, nei parchi o negli incroci di Valencia. Molti ninot sono messi insieme per vedere l’intera storia in ogni falla.

Nei giorni successivi, le persone possono passeggiare per le strade per ammirare l’arte e l’umorismo di questi capolavori e gustare i dolci tradizionali che vengono venduti ad ogni angolo di strada. Per un’esperienza locale ancora più intensa, prova i classici Buñuelos de calabaza con una tazza di cioccolata calda.

I ninot rimangono al loro posto fino a quando non vengono bruciati il ​​19 marzo, giorno noto come La Cremà. Ogni anno uno dei ninot viene salvato dalla distruzione con il voto popolare. Questo atto si chiama Indultar o graziato un ninot e viene esposto al Museo locale delle Fallas insieme al resto dei ninot perdonati di anni precedenti.

Oltre ai petardi giornalieri e all’incendio dei ninot, in questi giorni ci sono molti altri eventi che fanno parte anche di Las Fallas. Le persone che si recano in città possono godere di un ampio elenco di mercatini, concerti, sfilate, gare di paella, offerte di fiori e sfilate di Fallere (donne con costume tipico) in tutta la città.

Clicca qui Fatti aiutare a trasferirti all'estero

Conclusioni

Come in tutte le feste popolari, queste sono ottime occasioni per provare i cibi più tipici delle varie località. Durante Las Fallas potete provare i famosi buñuelos, i churros, i fartons con la famosa Horchata e anche provare l’Agua de Valencia. A causa dell’immenso afflusso turistico durante il festival, per poter riservare uno spazio durante questi giorni dovrete muovervi per tempo. Non solo i voli aerei, ma anche le sistemazioni in appartamenti, hotel e ostelli, sono prenotate di anno in anno o con grandissimo anticipo dagli habitué. Vi consigliamo pertanto, se non volete perdervi questa festa spettacolare, di prenotare il più presto possibile e di farlo all’interno del centro cittadino. Se siete interessati a scoprire piú notizie su Valencia, come si vive e quali documenti servono per poter lavorare, come ad esempio, prendere il NIE a Valencia, continuate a seguirci.