In questa pagina parleremo di come sia lavorare nel settore della pesca in Norvegia, delle possibilità che offre e dei requisiti che solitamente vengono richiesti agli expat che decidono di trasferirsi in Norvegia. La Norvegia, il paese nordico parte della penisola scandinava, fa dei suoi spazi naturali una delle principali attrazioni per chi la visita e ci vive. Lo stato dal passato vichingo conta anche centri abitati con innumerevoli punti di grande interesse.

Lavorare con il pesce in Norvegia

Seguici su Instagram

Eccovi le ultime offerte di lavoro nel settore della pesca in Norvegia:

Il settore della pesca norvegese

Lavorare negli impianti di lavorazione del pesce in Norvegia è uno dei lavori più apprezzati da molti immigrati da altri paesi che arrivano senza padroneggiare la lingua e hanno bisogno di guadagnare una buona somma di denaro in pochi mesi. Dalla capitale Oslo, con il suo imponente teatro dell’opera, a Stavanger, l’architettura attirerà la nostra attenzione. In destinazioni come Bergen troveremo uno dei fiordi dal nome più evocativo, il fiordo dei sogni. E che dire degli imponenti ghiacciai come Briksdal? Essendo una città con una storia vichinga, ha un ottimo legame con il mare e i fiumi. Questo fatto rende uno dei lavori più popolari svolti negli stabilimenti ittici norvegesi. Da qualche tempo la ricerca di lavoratori europei per l’inscatolamento e la salatura è molto richiesta. Uno degli aspetti da tenere in considerazione, partendo dal presupposto che non parliamo norvegese, è che l’inglese, senza essere totalmente indispensabile, sarà di grande aiuto quando si cerca lavoro in una fabbrica norvegese. Un altro punto che non possiamo non menzionare è l’elevato tenore di vita nel paese, con un reddito commisurato a questo. In questo modo, se hai davvero voglia di lavorare e sei interessato a questo settore, potrai trovare una vera e propria occasione d’oro. A tal proposito dai un’occhiata anche a offerte di lavoro a Bodo e a quelle di Bergen due incantevoli cittadine incastonate tra i fiordi dove potrai vivere al meglio la tua esperienza norvegese.

Capire dove e come trovare lavoro all’estero

Come trovare lavoro negli stabilimenti ittici norvegesi

Per ottenere un lavoro sarà preferibile avere un certo livello di inglese, questo aprirà le porte più facilmente. Per quanto riguarda lo stipendio medio per questo tipo di lavoro, la media si aggira intorno ai 3.500 euro al mese. Per rendervi il ​​compito un po’ più semplice, qui di seguito, riportiamo un elenco di alcuni dei principali stabilimenti ittici norvegesi:

  • Leroy Seafood
  • Salmar
  • Skretting
  • Aker Biomarine
  • Domstein
  • GC Rieber
  • Grieg Seafood
  • Nergard
  • Norges Sildesalgslag

I requisiti più richiesti

Conoscere l’inglese, essere responsabile, puntuale e avere un talento per il lavoro collaborativo. Sono questi, in sostanza, i requisiti che i candidati devono possedere per lavorare negli allevamenti ittici delle aziende norvegesi, uno dei maggiori produttori di salmone d’allevamento al mondo. L’80% delle posizioni sarà a tempo indeterminato. La settimana lavorativa è di 37,5 ore, anche se può variare ogni settimana. Il lavoro spesso sarà a turni (giorno e notte), con cambi ogni due settimane. Date le caratteristiche del lavoro ci sarà la possibilità di fare straordinari. In altre occasioni, invece, potrebbero essere lavorate meno delle 37,5 ore regolamentari.

Per quanto riguarda la retribuzione, è soggetta al contratto collettivo concordato tra la Norwegian Seafood Federation e NNN (sindacato dei dipendenti). La retribuzione è composta dalle tariffe concordate in convenzione e dalle integrazioni locali. Ammontano a 199,78 corone norvegesi lorde l’ora, che al cambio in euro sono 17,38 euro.

Se volete candidarvi a una o più di queste offerte, vi consigliamo di preparare un buon Curriculum e lettera di presentazione, leggete la nostra guida dedicata alla traduzione del curriculum in inglese e se avete bisogno di aiuto cliccate qui sotto per chiederci un preventivo senza impegno.