Cercasi socio per aprire attività a Bali. Siamo stati contattati dalla Signora Sabrina, italiana che vive insieme al suo compagno a Bali in Indonesia. Ci scrive perché sono alla ricerca di un socio per aprire la loro seconda attività nell’isola indonesiana. Ci chiede quindi di pubblicare il suo annuncio per la ricerca di un socio o di una socia nella sezione del nostro sito dedicata alla attività all’estero in vendita. Andiamo a leggere i dettagli di questa proposta. Cercasi socio per aprire attività a Bali
Eccovi l’email che ci hanno inviato: Siamo una coppia italiana trasferita a Bali da 8 anni. Nel novembre 2014 abbiamo aperto un piccolo ristorante/pizzeria a Kerobokan, zona soprattutto residenziale, situata tra le due più turistiche Seminyak e Canggu. La nostra attività lavora sia con i turisti che con i residenti e, oltre al servizio di dine-in e asporto, si è affermata molto bene nella zona circostante con un fitto traffico di consegne a domicilio.
Visto il crescente apprezzamento della nostra cucina di qualità, che riusciamo ad offrire a prezzi decisamente abbordabili, e il consolidamento del nostro brand in oltre sei anni di esercizio (15K followers in Instagram), abbiamo deciso di espandere la nostra attività, aprendo una seconda unità operativa in Canggu, località più turistica, al momento in grande crescita economica.
L’investimento iniziale proposto è tra i 30.000 e i 50.000 euro e comprende, oltre all’allestimento della nuova unità operativa e all’acquisto di attrezzature e arredamento necessari, anche l’affitto dell’immobile adibito a ristorante per il primo anno di attività.
Volete ricevere maggior informazioni e vi volete mettere in contatto con la Signora Sabrina? Allora compilate in tutte le sue parti questo form:

DISCLAIMER: Viviallestero.com non si ritiene in nessun modo responsabile per le offerte di lavoro che vengono pubblicate su questo sito ed i vari social networks. Viviallestero.com è totalmente estraneo a tutte le fasi di selezione del personale le quali vengono effettuate direttamente dall’agenzia di recruitment o dal datore di lavoro che ci invia l’annuncio.