E’ un piacere per noi di Viviallestero.com presentarvi un’altra nostra lettrice che ha deciso di condividere le sue emozioni che sta vivendo nell’organizzare il suo trasferimento all’estero. Le domande che si porrá sono tante: voglio lasciare l’Italia, ma dove vado? Ci riuscirò a realizzare il mio sogno di andarmene? Cosa diranno le persone che mi stanno vicino? Sarò così forte da resistere alle difficoltá una volta partita? E tante altre…

 

Seguiamola passo dopo passo nella sua preparazione. Buona fortuna Sara!

 

“Lost in  the city of angels,down in the confort of strangers,I found my self in the fire burn hills in the land of a billion light…” (City of angels, 30 Seconds To Mars).

Avevo 7 anni quando per la prima volta vidi,dalla finestra del salotto di casa dei miei nonni,la basilica di Superga che sovrastava illuminata la città di Torino…luci accecanti che facevano sognare…fu lì che decisi che un giorno avrei vissuto in un posto dove le luci regnavano sovrane…Ora,a 27 anni,senza progetti per il futuro e un lavoro mediocre che mi stanca solo a pensarci,ho deciso che è arrivato il momento di realizzare quel sogno!

Voglio lasciare l'Italia dove vadoOgni volta che penso a quello che vorrei fare provo un misto di eccitazione e tristezza…migliaia di chilometri lontana da casa non sono un gioco da ragazzi, ma molte persone che conosco mi hanno sempre identificata come una tigre, e si sa che la forza di un felino del genere è abbastanza tosta…e perciò passo le mie serate al pc a cercare informazioni, contatti e qualsiasi cosa mia sia utile per portare a termine il mio progetto…finora non sono stata molto fortunata, l’unico contatto che avevo si è rivelato un bluff, ed è un grosso peccato perchè sarebbe stato un ottimo inizio…ma non vado dall’altra parte del mondo a farmi prendere in giro!

Ci vado per realizzare i miei sogni,per alzarmi il mattino col sorriso stampato in faccia, per vedere posti e conoscere persone nuove…tutto quello che finora,purtroppo,il mio paese non mi ha permesso di fare…potrei partire da qualche paese europeo sicuramente vi starete dicendo!La mia risposta è molto semplice…voglio seguire il mio sogno esattamente come l’ho coniato anni fa,non voglio prendere ciò che viene solo per paura di provare a mettermi(300) in gioco o perchè una traversata aerea di 15 ore può terrorizzare…voglio vedere il mare della California,voglio rischiare di incrociare un volto famoso mentre cammino per strada,voglio poter raccontare alla mia famiglia che metropoli eccentrica e meravigliosa sia Los Angeles…tutto questo sarebbe impossibile farlo altrove probabilmente,o se lo si facesse non si proverebbe la stessa sensazione!

Mia sorella dice che sono pazza ad andare così lontana da sola,magari ha ragione,magari no…parla sicuramente perchè la distanza che ci separerebbe sarebbe un duro colpo per entrambe…siamo una cosa sola da sempre e vivere così lontano l’una dall’altra ci farà star male all’inizio…ma chissà magari riuscirò a convertire il suo pensiero in modo che mi possa raggiungere!O magari non resisterò io e tornerò a casa…ma con la certezza di arrivare tra qualche decennio a dire a me stessa che per quanto non sia andata bene,almeno ci ho provato…meglio vivere di rimorsi che rimpianti,è il mio motto!Qualsiasi cosa accadrà io sono pronta ad affrontare la vita,finora ho avuto alti e bassi a grandi quantità ma sono sempre in piedi in un modo o nell’altro…faccio da anni lavori che non mi soddisfano appieno,devo dar conto a persone che vivono nell’ignoranza e che di conseguenza fanno in modo di mortificare chi sta loro intorno,dando colpa alla crisi…la crisi è economica,non del cervello!!

Tornando al mio sogno…so che non sarà facile,dovrò impegnarmi per emergere e ottenere quel che vorrò,già solo il fatto di avere tutti i documenti dev’essere fatto bene perchè so che le regole sono molto dure e come tali è giusto seguirle…qualche sera fa mi veniva quasi da piangere perchè di punto in bianco ho iniziato a dubitare di tutto…a chiedermi perchè lo voglia fare…perchè continuassi a informarmi e a fare ricerche su case e lavori…perchè andare via da qui e lasciare casa,famiglia e lavoro…ma è bastata una dormita a rimettermi sulla retta via,si vede che la stanchezza aveva preso il sopravvento!

Mi sono impostata come periodo per la partenza il mese di settembre,il mio mese di nascita,e me lo voglio fare come regalo di compleanno,cambiare stile di vita!Non mi accontento più del nuovo look di capelli ormai per avere un cambiamento come in genere facciamo noi donne,punto in alto…adesso non mi rimane che sperare di trovare qualche buon contatto,avere un’offerta di lavoro che mi permetta di vivere lì,mettere la marca da bollo sul passaporto,comprare un biglietto aereo,fare la valigia e godermi quel che succederà dal momento in cui atterrerò all’aeroporto…sperando di non iniziare perdendo il bagaglio stiva!E inizierò a scrivere della mia vita seduta a un caffè,guardando dalla finestra le mille luci che Los Angeles offre…

Vuoi raccontare anche tu la preparazione al tuo trasferimento all’estero? Allora scrivi all’indirizzo email admin@viviallestero.com parlandoci brevemente della tua storia.