C’è poco da fare, l’inglese è ormai un “must”. Difficile passare un giorno senza rendersene conto; dal semplice giretto in Internet fino al turista straniero che vi chiede dove può mangiare “the best pizza in town”.

Senza poi parlare di tutti i vantaggi curriculari che comporta una competenza certificata di lingua inglese; trovatemi un annuncio di lavoro che non lo richieda.

“Ah si, ma a scuola ho sempre avuto 8 in Inglese”; il problema è che non tutti vorranno sapere se la penna è nel tavolo o se il gatto è nero.  Non creiamoci false illusioni; l’istruzione italiana spesso non va davvero oltre a questo tipo di complessità grammaticale.

Londra Brighton

Qual è la soluzione quindi? Scegliere l’ultimo corso d’inglese in edicola? Utile forse per costruire una base, ma non farà di certo la differenza.

Se l’inglese è davvero un importante obbiettivo da conseguire, il metodo più efficace è  quello di recarsi  in una località in cui lo si parla; per un italiano, una vacanza studio Inghilterra è la soluzione più razionale.

E’ vicina, non costa molto andarci, non servono particolari documenti e la sterlina  è ormai quasi equivalente all’euro.

Se si sceglie infatti di iscriversi in una delle tante scuole in Inghilterra, i risultati sono apprezzabili nel giro di tre mesi, anche per un “Beginner”.

Si è già infatti in grado di conseguire una tra le tante certificazioni tra  le quali il Ket , Pet e l’avanzato Cae; queste, ed altre ancora, sono  tutte ampiamente riconosciute in Italia.

Le ragioni di un sicuro e rapido apprendimento sono diverse; si è sul posto ed è come se si ripassasse di continuo ciò che si è appreso a lezione; si creano nuove amicizie con ragazzi di altre nazioni con lo stesso livello d’inglese; i professori sono madre lingua e  le lezioni, in inglese, sono calibrate alla difficolta del corso che si è scelto di fare.

I risultati sono quindi garantiti e non rimane che scegliere la località; questa, ad ogni modo, non è una scelta facile, sopratutto per un italiano.

Il clima inglese è infatti piuttosto rigido e spesso le città non grandi possono risultare molto diverse da quelle italiane, sopratutto in termini di vitalità.

Per chi non ama la metropoli, può trovare in Brighton un ottima alternativa. Questa è situata sul mare e  relativamente più mitigata. ( Deve infatti il suo nome per essere uno dei posti più luminosi – Bright in inglese – di tutto il regno unito.)

Brighton non è solo un compromesso climatico però; è infatti molto di più. Una città in cui l’aspetto culturale ha un impronta importante ed è spesso la meta preferita dei Londinesi che,  distanti solo 90 km, scelgono di passare i loro weekend nella miriade di pubs o clubs disseminati per tutta la città.

E viverci è davvero il massimo. E’ infatti la classica città a misura d’uomo facilmente percorribile a piedi o in bici. E’ un città colorita, effervescente e pullulante di giovani; non manca davvero nulla.

Per chi ama la musica, il teatro, la vita notturna e lo shopping troverà in Brighton la città ideale. Non sorprende quindi che  molti ragazzi scelgano di organizzare i loro viaggi studio qui e i tre mesi diventano spesso anni, come la persona che scrive!

Sono inoltre tanti gli Inglesi che ritengono sia uno dei posti con maggior vivibilità di tutto il regno unito.

Se state seriamente pensando ad una vacanza studio, fateci  un salto, anche per dare solo un occhiata; Brighton è infatti discretamente collegata con l’Italia grazie al vicino aeroporto di Gatwick, raggiungibile in soli 45 minuti di treno( circa 10 euro a tratta). Non rimarrete delusi!

Gianluca Tanda