E se tornassi a lavorare e vivere in Irlanda?

E’ la domanda che mi assilla la testa negli ultimi giorni. Calma e respira. Cerca di essere freddo e di valutare gli aspetti positivi e negativi della situazione.

Positivi: un lavoro che mi piace; una città che mi ricorda bei momenti; essere molto più vicino casa ed avere Londra a due passi (i voli per Londra da Dublino sono molto economici); gli amici potrebbero venirmi a trovare con più facilità e, da non sottovalutare, il mio portafogli ne sarebbe contento.

Andare in Australia

Ora veniamo al tasto dolente: passare dall’Australia all’Irlanda è climaticamente deprimente, le vacanze saranno totalmente diverse e non incontrerò più un canguro per strada.

A parte gli scherzi tornare in Irlanda non e’ affatto il mio sogno, ma il visto australiano mi sta per scadere e se volessi rimanere dovrei richiedere uno Student VISA (il che significa massimo 20 ore di lavoro alla settimana e dover pagare un corso di inglese o di formazione). Per cui tutto sommato andarmene con “in tasca” un buon lavoro in Europa non sarebbe affatto una cattiva idea.

Alla fine dei conti penso: “Non si vive di mare e sole soltanto”, ma dall’altra parte penso pure “la vita è una sola e va vissuta al meglio”.

Indeciso.